Quali sono i cocktail più bevuti durante l’aperitivo?

Il weekend è arrivato, ti rimane solo una cosa da pensare: un buon cocktail per il tuo aperitivo a Roma.

Se hai voglia di degustare un ottimo drink con del buon cibo a Roma, Dovado ti propone i migliori locali della Capitale per un’esperienza enogastronomica da urlo.

In Italia ormai non è più possibile rinunciare al momento dell’aperitivo: che sia prima di pranzo o prima di cena, un buon cocktail accompagnato da ottimi stuzzichini è la soluzione sempre gradita.

Questa tendenza ha sempre più portato a riconoscere l’importanza di saper realizzare la miscela giusta e accostare i diversi sapori. Basta a pensare all’esplosione della mixology: l’arte di miscelare ingredienti selezionati e caratteristici a regola d’arte.  

L’esperto miscelatore del gusto viene definito ormai mixologist e rappresenta oggi l’evoluzione del barman classico.

Ovviamente si parla di evoluzione anche nel campo dei cocktail, con la riscoperta di vecchi drink da battaglia come gin, vermouth e amaro, unita all’utilizzo sempre più accentuato di essenze, erbe e dell’home made.

Nella Capitale, l’aperitivo è sostituito a volte con vere e proprie apericene con una grande selezione di alcolici: la consumazione inizia verso le 19 e si estende fino alle 23. L’occasione per un aperitivo è spesso sociale e informale.

In Italia è stata fatta una classifica dei cocktail più bevuti durate il momento dell’happy hour.

Siete curiosi di scoprire quali sono? Ecco la classifica ufficiale!

Ovviamente la primo posto troviamo lo Spritz, il cocktail più classico e più bevuto in assoluto. Si presenta come un long drink, è un aperitivo alcolico veneto, che ha due varianti: quello tradizionale a base di vino bianco e la versione Aperol con l’aggiunta del famoso bitter rosso.

Grazie al suo carico di ghiacchio lo Spritz Hugo è il secondo drink più amato e diffuso. Caratterizzato dal profumo dei fiori di sambuco e la freschezza della menta, è un drink con dei semplici ingredienti ma essenziali: prosecco, sciroppo di fiori di sambuco, seltz e foglie di menta.

Poi troviamo il discendente del cocktail Martinez, il Martini, un miscelato americano del 1850, uno dei primi cocktail ad unire vermut e gin, anche se la ricetta prevede ancora oggi vermut rosso e alcune gocce di bitter. Con gli anni, il Martinez muta, fino a sfociare in un cocktail molto più secco, snello, di concezione moderna.

Un altro grande classico che non tramonta mai è l’Americano con una ricetta semplice ma squisita: Campari, bitter e vermut rosso a cui si aggiunge una spruzzata di soda. Il suo nome in verità deriva dal pugile Primo Carnera a cui fu dedicato quando combatteva sui ring americani.

Tra gli aperitivi da oscar troviamo il Negroni, conosciuto anche nella sua variante “Sbagliata”, è indubbiamente tra i cocktail preferiti negli ultimi anni: la sua semplicità è ciò che lo caratterizza di più, 1/3 di gin, 1/3 di bitter Campari e 1/3 di vermut rosso. Pochi semplici ingredienti per una miscela magica, profumatissima, dove il gusto amaro del bitter si fonde alla perfezione con l’aromaticità pungente del gin.

Vodka, ginger beer e succo di lime sono gli ingredienti del Moscow Mule: cocktail ​famosissimo, dalle noti pungenti date dallo zenzero contenuto nella ginger beer.

Insomma, dopo questa lunga lista non ti è venuta la voglia di bere un cocktail?

Ti consigliamo alcuni locali top a Roma dove poter gustare gratuitamente il meglio dei cocktail e della mixology?

[button text=”scopri il tuo aperitivo qui” link=”https://www.dovadoapp.com/eventi/categorie/aperitivo/”]

______________________________________________________________________________________________

DOVADO EVENTI TI CONSIGLIA SOLO I LOCALI MIGLIORI ED EVENTI ESCLUSIVI DI ROMA E PROVINCIA.

Seguici su tutti i nostri canali Social: Facebook, InstagramYouTubeLinkedin e scarica la nostra App gratuita disponibile su iOS e Android!

Se desideri inserire il tuo locale nella nostra app e Web App non esitare a contattarci, puoi scrivere anche un messaggio su Whatsapp al: 328 913 9218 (7 giorni su 7).